Fataciume-it

Fataciume

 

Rintra all’occhi tua c’è un ciumi

Chi curri e nun s’asciuca mai

Viennu tutti ccà pi biviri

E a unu a unu viu scinniri:

 

Un Gattu, un Succitieddu e un Cani

U viri u Coccodrillu er i Giurani?

Un Acidduzzu vola vola supra a nasca tua

Nun la finisci i fari zizizi

 

A forza i chianciri

Sali una fataciume

Ru funnu ri stu ciumi

E tu spirisci e ‘un c’è cchiù nienti

 

E dunn’è l’amuri miu runn’è, l’amuri miu runn’è?

 

Rintra l’occhi tua c’è un ciumi

C’un liettu ca ‘un finisci mai

Ci vieni puru l’Elefante a stinnicchiarisi

E a unu a unu viu cariri:

 

Ciccio u Liuni ch’i so figghi

Cu l’occhi russi ri sbadigli

Addini, ‘Addi e Pappa’addi

S’ammoddanu supra i to spaddi

 

U Lupu è u primu ar allupìarisi

Ma c’è unu ca nun vuoli dormiri…

…è u Scimiuni rintra a panza

Chi danza!

 

Non si pò chianciri

C’a tiesta china i strummuli

E in piettu capitummuli

Spirisci e ‘un c’è cchiù nienti

 

Ma dunn’è l’amuri miu runn’è, l’amuri miu runn’è?

Fataciume

 

Dentro agli occhi tuoi c’è un fiume

Che corre e non si asciuga mai

Vengono tutti qua per bere

E a uno a uno vedo scendere:

 

Un Gatto, un Topolino e un Cane

Vedi il Coccodrillo e le Rane?

Un Uccellino vola vola sopra il naso tuo

Non la pianta di fare cip cip cip

 

A forza di piangere

Sale un incantesimo (1)

Dal fondo di questo fiume

E tu sparisci e non è successo niente

 

E dov’è l’amore mio dov’è l’amore mio dov’è?

 

Dentro gli occhi tuoi c’è un fiume

Con un letto che non finisce mai

Ci viene pure l’Elefante a distendersi

E a uno a uno vedo cadere:

 

Ciccio il Leone (2) con i suoi figli

Con gli occhi rossi di sbadigli

Galline, Galli e Pappagalli 

Si accoccolano sulle tue spalle

 

Il lupo è il primo ad alloppiarsi

Ma c’è uno che non vuole dormire…

…è lo scimmione nella pancia (3)

Che danza!

 

Non si può piangere

Con la testa piena di trottole

E in petto capitomboli

Sparisci e non è successo niente

 

E dov’è l’amore mio, dov’è l’amore mio, dov’è?

 

(1) è una parola che ho ritrovato in un’antica filastrocca siciliana.

 

(2) Leggendario esemplare di leone che fu lasciato a deperire, chissà per quale motivo, in una gabbia di Villa Giulia a Palermo.

 

(3) A chi ha il Sivo o il Babbio (la ridarella) si chiede “Chi hai, u scimiuni rintr’a panza?”