Maharìa-it

Maharìa

 

Ormai ‘stu fuocu 

Nun s’astuta cchiù

Roppu ca mi struppiavu buonu

Aspittannu chi sa cu

 

Roppu ca scappavu assicutatu a tutti banni

Roppu ca pinzava ca ormai nun sapieva ririri cchiù

Roppu ca spartivu a me spiranza a milli banni

Roppu ca pinsava ca sta vita nun mi capieva cchiù

Niscisti tu

 

Pi cunsumari a mia

Ma chi mi cummini tu?

è una maharia

E nun capisciu s’iddu tu niscisti

Pi cunsumari a mia

Ma chi mi cummini tu?

è una maharia

E viru tutti cosi blu

 

Iu ca ti taliassi finu all’alba, finu all’ossa

I to occhi m’arristaru impiccicati runnegghiè

Iu viaggiassi supra a piedde tua comu si fussi ri luna

Sciddicassi supra i cianchi e mi pirdissi cchiù ddà

Ma comu si fa?

 

Pi cunsumari a mia

Ma chi mi cummini tu?

è una maharia

E nun capisciu s’iddu tu u sapievi

Ca iavi a cunsumari a mia

Si una maharia

E nun capisciu nienti cchiù

Maharìa

 

Ormai questo fuoco

Non si spegne più

Dopo che mi sono fatto male per davvero

Aspettando chissà chi

 

Dopo che sono scappato dappertutto

Dopo che ho pensato che ormai non sapevo ridere più

Dopo che ho lasciato la mia speranza in mille posti

Dopo che ho pensato che questa vita non mi entrava/capiva più

Sei uscita tu

 

Per rovinarmi (1)

Ma che mi fai?

è una magia (2)

E non capisco se tu sei uscita da casa

Per rovinarmi

Ma che cosa mi fai?

è una magia

E vedo tutto blu

 

Io ti guarderei fino all’alba, fino all’osso

I tuoi occhi mi sono rimasti appiccicati dappertutto

Io viaggerei sopra la pelle tua come se fosse di luna

Scivolerei sopra i fianchi e mi perderei più in là

Ma come è possibile?

 

Per rovinare me

Ma che mi fai?

è una magia

E non capisco se tu lo sapevi

Che saresti venuta a rovinarmi

Ma che cosa mi fai?

Sei una magia

E non capisco più niente

 

(1) “Ma tu sei uscito di casa per consumare a me?” è, ad esempio, l’invettiva lanciata dal conducente di un auto tamponata contro il conducente della vettura tamponante.

 

(2) La maharìa è la magia popolare siciliana, un insieme di pratiche operate da un mago, o maharo, volte ad entrare in relazione con il mondo dell’irrazionale per manipolarlo. Malocchi, legature, fatture e controfatture rientrano in questo affascinante mondo che sorge in un contesto contadino con finalità simili a quella che oggi ricopre la psicanalisi: “permettere a chi ne usufruisce di ottenere un conforto riguardo alle proprie fragilità, di sfogare le proprie frustrazioni, di riflettere su ciò che vuole essere e fare della propria vita.” Giuseppe Carleo, regista cinematografico.