Taverna vita eterna-it

Taverna vita eterna

 

Nun ci iri mai

Asinnò poi ci ha’ ghiri cchiossai

C’è una cura chi dura r’un’ura 

Si l’ha fare falla fuora asinnò ccà nni scula

Iu m’a tiegnu tutta rintra fino a quannu rura

Chiuiu l’occhi e viru acqua chi sbura ri mura

Ti lassu ccà e minni va’ sbacantu i rini ddà r’arrieri

Pieri doppu pieri, addivientu un pumpieri

Niesciu l’idrante ri mutanne e astutu tutti i pinzieri

Ammucciativi fichietti,

U lupunaru è pieri pieri!

 

E mi va’ asciucu un’atra birra

Chi haiu ‘u cannarozzu chinu i pruvulazzu

Iu stasira minn’è ghiri in palazzu

M’è stricari peggiu r’un cannavazzu

Er ogni cosa chi dicu a scafazzu

E a casa tornu sulu si mi ci portanu ‘mbrazzu

Si ‘un hai pobbremi iu pobbremi unni fazzu

Manciu pollo, iu l’addumu e l’ammazzu

 

E si a me vita fussi eterna

Iu ‘a passassi sana san’a taverna!

M’a spinnissi sana san’a taverna!

‘A spardassi sana san’a taverna!

E si a me vita fussi eterna

Iu ‘a lassassi sana san’a taverna!

M‘a vinnissi sana san’a taverna!

‘A lanzassi sana san’a taverna!

 

Lassatimi accussì

Ru sabbatu sira nfin’o lunedì

Sugnu troppu pa coma

Iu mi sientu una crema

Cioccolato e nocciola

Una cosa inutella!

Arricugghitimi c’a carriola

Arricugghitimi c’a barella

Direzione una sula: 

U spitale ccà vicinu!

Ahi, chi fu sta cutiddata na carina ri rini?

“Fu ca sbagliasti calcolo

Oggi a luna ‘un è china, curò!”

N’o lettinu r’u spitale 

Roppu un’ura r’aspittare

U dutturi mi taliò e mi rissi: “calcolo renale”

“Morte a tutti i sfasciallitti,

Aiutatimi fichietti!

U lupunaru è chinu i rina,

Pietri pietri s’a vitti!”

 

E mi va asciucu l’acqua Fiuggi

C’haiu i rini chini chini i pruvulazzu

Picchì assira minn’ivu in palazzu

E ‘u lupunaru ora pare un canuzzu

Er ogni cosa chi dicu a scafazzu

Però a’ taverna nun ci tornu cchiù mancu p’u cazzu

I problemi mi fannu ‘mbarazzu

E a Cappuccettu s’uncocciu l’ammazzu

 

E si a me vita fussi eterna

Iu ‘a passassi sana san’a taverna!     

M’a spinnissi sana san’a taverna!

‘A spardassi sana san’a taverna!

E si a me vita fussi eterna

Iu ‘a lassassi sana san’a taverna!

M‘a vinnissi sana san’a taverna!

‘A lanzassi sana san’a taverna!

Taverna vita eterna

 

“Non andarci ora, sennò poi devi andarci ogni minuto”(1)

C’è una coda che dura da un’ora

Se devi farla falla qua fuori altrimenti inizia a gocciolare

Io la trattengo tutta dentro fino a quando non esplodo

Chiudo gli occhi e vedo acqua che schizza dai muri

Ti lascio qua e vado a svuotare i reni là dietro

Piede dopo piede divento un pompiere

Tiro fuori l’idrante dalle mutande e spengo tutti i pensieri

Nascondetevi fighetti, è arrivato il Lupo Mannaro(2)

 

E vado a prosciugare un’altra birra

Che ho la gola piena di polvere

Io stasera voglio esagerare (3)

Voglio strusciarmi più di uno strofinaccio

Per ogni cosa che dico, una figura di merda (4)

E a casa torno solo se mi ci portano in braccio

Se non hai problemi io problemi non ne faccio

Mangio pollo, l’accendo e l’ammazzo (5)

 

E se la mia vita fosse eterna 

Io la passerei tutta alla taverna

La spenderei tutta alla taverna

La incendierei tutta alla taverna

E se la mia vita fosse eterna

La lascerei tutta alla taverna

La venderei tutta alla taverna

La vomiterei tutta alla taverna

 

Lasciatemi così 

Dal sabato sera fino al lunedì

Sono fico come pochi (6)

Io mi sento una crema

Cioccolato e nocciola 

Una “cosa inutella” (7)

Raccoglietemi con la carriola

Raccoglietemi con la barella

Direzione una sola

L’ospedale qua vicino

“Ahi, cosa è stata questa coltellata nei reni?”

“Hai sbagliato calcolo

Oggi la luna non è piena, tesoro”(8)

Sul lettino dell’ospedale

Dopo un’ora di attesa

Il dottore mi visita e dice: calcolo renale

“Morte a tutti i buoni a nulla

Aiutatemi fighetti

Il Lupo Mannaro è pieno di sabbia, se l’è vista brutta…” (9)

 

E vado a prosciugare l’acqua Fiuggi

Che ho i reni pieni pieni di polvere

Perché ieri sera ho esagerato

E il Lupo Mannaro ora sembra un cagnolino

Ed ogni cosa che faccio la scafazzo

Però alla taverna non ci torno più manco col cazzo

I problemi mi arredano casa

E se becco Cappuccetto lo ammazzo

 

E se la mia vita fosse eterna 

Io la passerei tutta alla taverna

La spenderei tutta alla taverna

La incendierei tutta alla taverna

E se la mia vita fosse eterna

La lascerei tutta alla taverna

La venderei tutta alla taverna

La vomiterei tutta alla taverna

 

(1) Il Manuale del Piccolo Tavernaro sconsiglia fortemente a chi beve birra di andare in bagno al primo stimolo, e raccomanda di trattenersi il più possibile onde evitare lo sblocco di urinazioni compulsive ogni due o tre minuti.

 

(2) Figura che fino alla mia infanzia ha dominato i racconti horror dei quartieri popolari di Palermo. 

 

(3) Espressione presa in prestito dal gioco di carte chiamato Sette e mezzo. Si dice che un giocatore è andato in palazzo quando nel tentativo di avvicinarsi il più possibile al punteggio di sette e mezzo che gli assicurerebbe la vittoria, sfora e perde. 

 

(5) Sono espressioni dello slang dei consumatori di hashish e marijuana. Se in un gruppo di fumatori uno dei componenti tarda a passare la canna, qualcuno gli chiede “manciasti pollo?” (chi mangia pollo rimane con le mani appiccicose). Ammazzare la canna significa spegnerla.

 

(6) Ho appreso questa espressione nella scuola media che frequentavo alla Marinella. Essere troppo per la coma per noi significava essere fico come pochi. Non so quanta risonanza questa espressione abbia poi avuto nel resto della città.

 

(7) A Palermo, chi per timore di urtare la sensibilità di qualcuno non vuole apostrofarlo come “cosa inutile” ma vuole comunque fargli capire che gli vuole bene può gridargli “cosinutella!”, è più dolce e cioccolatoso.

 

(8) Dal greco Kouros, fanciullo. 

 

(9) Siculopedia sul “vedersela pietre pietre”: Dicesi quando raggiungi uno stato di instabilità fisica, dovuta ad impresa ardua et rischiosa come avventurarsi in trazzere nei pizzi di montagna o suggere una quantità spropositata di bevanda ad alto tasso alcolico. Tali eventi pongono nella visuale sicula non tanto l’orizzonte che dovrebbe estendersi davanti al suo sguardo, ma piuttosto il suolo dove dovrebbero posarsi i propri piedi e tuttavia ci si trova appiccicata la propria faccia!