Ghidara Lyrics It

Ghidara

 

‘U to corpu è una chitarra

Ca nun mi fa dormiri

È dintra ‘i mura, è supra ‘u tiettu

Mi cafudda ‘i sutta ‘u liettu

Ru sabato au venniri

 

L’unghia longhe ri ‘sta vita

Mi ciunnaru e azzappanu

E mentre tu ‘un ti scanti cchiù

‘A me arma è corda tisa

E triema supra ‘u nivuru

 

Vieni ccà cu mia

E nun tinn’iri cchiù

Vieni p’abballari

Muoru ‘i càvuru

 

Ciancu, coscia, coddu, curva

Ra me manu a strinciri

Ra to piedde a vugghiri

Ra me lingua a ghinchiri

Ra to corda a chianciri

No svalancu ru to cuori

‘U to cuori nivuru

 

‘U to corpo è una chitarra

Ca nun m’assuvierchia mai

È ‘u stissu lignu ra cruci

Mi cci inchiovu er eccu vuci

Talè comu m’arridduciu

 

Vieni ccà cu mia

E nun tinn’iri cchiù

Vieni vuncia ‘i scuru

China ‘i ciavuru

 

Ciancu, coscia, coddu, curva

Ra me manu a strinciri

Ra to piedde a vugghiri

Ra me lingua a ghinchiri

Ra to corda a chianciri

No svalancu ru to cuori

‘U to cuori nivuru

 

Ciancu, coscia, coddu, curva

Ri me rienti ar azziccari

Ri to rini a rumpiri

Ra to funcia insanguniata

Ra me vita a pierdiri

 

No svalancu ru me cuori

Caru paru paru

No svalancu ru me cuori

‘Un mi lassari, ‘un mi lassari

Ghidara

 

Il tuo corpo è una chitarra

Che non mi fa dormire

È dentro le pareti, è sopra il tetto

Martella da sotto il letto

Dal sabato al venerdì

 

Le unghie lunghe di questa vita

Mi hanno graffiato e zappano

E mentre tu non hai più paura

La mia anima è corda tesa

E trema sopra il nero

 

Vieni qua con me

E non te ne andare più

Vieni per ballare

Muoio di caldo

 

Fianco, coscia, collo, curva

Della mia mano che stringe

Della tua pelle che bolle

Della mia lingua che riempie

Della tua corda che piange

Nell’abisso del tuo cuore

Il tuo cuore nero

 

Il tuo corpo è una chitarra

Che non mi basta mai

È lo stesso legno della croce

Mi ci inchiodo sopra e grido

Guarda come mi riduco

 

Vieni qua con me

E non te ne andare più

Vieni gonfia di buio

Piena di profumo

 

Fianco, coscia, collo, curva

Della mia mano che stringe

Della tua pelle che bolle

Della mia lingua che riempie

Della tua corda che piange

Nell’abisso del mio cuore

Il mio cuore nero

 

Fianco, coscia, collo, curva

Dei miei denti che si conficcano

Della tua schiena che si rompe

Delle tue labbra insanguinate

Della mia vita a perdere

 

Nell’abisso del mio cuore

Cado a piombo

Nell’abisso del mio cuore

Non mi lasciare, non mi lasciare…