Puddicinu a luna lyrics It

Puddicinu a luna

 

Vieni trovami stasira

Haju l’occhi chi mi stiddianu

A sciddicuna supra a ‘mmiria

E a ‘n atru paru ‘i cuosi chi mi siddianu

 

Balli cu mia?

No chi nun pò càriri

Tu si un puddicinu a’ luna

E iu ti vogghiu bienere

 

Vieni quannu ‘u cielu è azzurru

Supra a to varcuzza i matula

(Si duci quannu arrivi e ‘un trasi!)

 

L’azzizzo iu una fiesta sulu pi tia

Supra ‘a me varbuzza spana

(Si duci quannu niesci e ‘un tinni vai!)

 

Ballamu arrieri?

‘Un mi pistari u pieri però

Tu si un puddicinu a’ luna

E iu ti vogghiu bienere

Però ‘un mi fari càriri

Puddicinu a luna [1]

 

Vieni a trovarmi stasera

Ho gli occhi che luccicano come due stelle

A scivoloni sopra l’invidia

E un altro paio di cose che mi scocciano

 

Balli con me?

No, che non puoi cadere

Tu sei un pulcino alla luna

E io ti amo

 

Vieni quando il cielo è azzurro

Sopra la tua barchetta di bambagia

(Sei dolce quando arrivi e non entri!)

 

L’acchitto io una festa solo per te

Sopra la mia barbetta rada

(Sei dolce quando esci e non te ne vai)

 

Balliamo di nuovo

Non mi pestare il piede però

Tu sei un pulcino alla luna

E io ti amo [2]

Però non mi fare cadere…

[1] Si dice di chi è cagionevole di salute. È un detto legato alla tradizione contadina siciliana: se un pulcino nasce durante la luna calante difficilmente sopravvive o comunque cresce meno forte di un puclino che nasce in periodi di luna piena.

[2] In siciliano, come in napoletano, la frase “ti amo” non esiste. Esiste invece un ti vogghiu bienere onnicomprensivo. La situazione e l’intenzione ne definiranno gravità e intensità.