Di Cu Si lyrics It

Di cu si

 

Vennu l’indiani

Su’ troppu assai, ‘un li sacciu cuntari

Ccà ‘un putiemu stari

Amu a scappari!

 

‘Anticchia annachi e anticchia ha’ ammuttari

Pi mia ‘stu lettu è una nave

Ccà ‘un putiemu stari

Scappamu puru ‘i ccà!

 

Di cu è, ‘sta nasca di cu è?

E tu di cu si?

 

Si vennu l’arraggiati

E si vennu ‘i favusi

Tu ammucciati r’arriere ‘a ‘amma

‘A amma r’a mamma

 

Batti ‘i manu e batti e batti e ba’

Si batti ‘i manu veni puru papà

E si tu batti ‘i manu

Veni puru spaiderme’!

 

Di cu si, tu nicu di cu si?

E ‘sta nasca di cu è?

‘Sti occhi di cu su’?

‘Sti manu di cu su’?

‘Sti pieri di cu su’?

Ni l’hamu a manciari

 

E si tu batti ‘i manu

Vegnu puru ju

Cu tutta ‘a chitarra, t’inzignu a sunalla

Però macari prima ‘nzignati

A cuntari: 1, 2 e 3

1, 2 e 3

1, 2 e 3

4, 5, 6 e 7 e 8

Tappete, tippete e un biscottu!

Di Cu Si

 

Vengono gli indiani

Sono troppi, non li so contare

Qua non possiamo stare

Dobbiamo scappare

 

Un po’ dondola e un po’ devi spingere

Per me questo letto è una nave

Qua non possiamo stare

Scappiamo pure da qua

 

Di chi è, questo nasino di chi è?

E tu di chi sei?

 

Se vengono gli arrabbiati

E se vengono i falsi

Tu nasconditi dietro la gamba

La gamba della mamma

 

E batti le mani e batti e batti e ba’

Se batti le mani viene pure papà

E se batti le mani

Viene pure Spiderman

 

Di chi sei, tu piccolo, di chi sei?

E questo nasino di chi è?

Questi occhi di chi sono?

Queste mani di chi sono?

Questi piedi di chi sono?

Ora ce li mangiamo[1]

 

E se tu batti le mani

Vengo pure io

Con la chitarra, ti insegno a suonarla

Però magari prima impara

A contare uno, due e tre

E uno, due e tre e uno due e tre

E quattro, cinque e sei

E sette e otto

Tappete, tippete e un biscotto![2]

[1]   In Sicilia così come in altre parti di Italia e del mondo si gioca a rubare il nasino (o altre parti del corpo) ai bebè, a far finta di nasconderlo e mangiarlo. “Di chi è questo naso?” è una domanda che tutti i bambini siciliani conoscono.

[2]   È la frase finale di un gioco che si fa tra bambini in Sicilia. Ci si riunisce in cerchio, seduti su delle sedie, e si inizia a contare i piedi dei partecipanti da uno a otto e dopo si dice “tappete tippete e un biscotto”. La sfortunata gamba a cui tocca il biscotto viene eliminata e si ricomincia la conta fino a quando non rimane solo un vincitore.