Granni Granni Lyrics It

Granni Granni

 

Ddà ‘ncapu custruivu una capanna

È china

R’i me’ vasati annigghiati

R’i me’ capiddi er i me’ ragni

Ch’i pittusi chi hannu a rispirari

‘A me’ capanna è granni granni

È granni granni ma

Nun ci veni mai nuddu

 

Ma nun t’alluntanare

Ca ni n’hamu a ghiri

E nun ti preoccupare

Fazzu strata ju

E ‘un ti scantare mai

E nun t’assistimare

Si biedda comu si

Accussì ‘un ni ni jamu cchiù

 

‘A me capanna è fatta ch’i mulletti

È china ‘i denti ‘i latte e di unghia rutte,

Ci misi ‘a me prima bicirietta

È china ‘i signa i cruci e di pittiddi

Cucchiar’i lignu, è china ‘i notti

N’a me capanna ci su avutre capanne

È granni granni, è granni granni ma…

È china di svalanchi!

 

Porta ‘na para ‘i petri

Pi cu ni voli mali

Porta ‘na cosa ‘i viviri

‘Un si pò sapiri mai

E ni strinciemu ddà

Dunni jucava siempre

Jucava cu me’ frate

E nun c’è cchiù tempu

Pi addumannare picchì

P’addumannare dunni

P’addumannare “ma com’è?”

Tantu nun l’hei saputu mai

 

Viu tutti cosi granni granni

Granni Granni

 

Là sopra ho costruito una capanna

è piena

Di tutti i miei baci ammucchiati[1]

Dei miei capelli e dei miei ragni

Con i buchi che devono respirare

La mia capanna è grande grande

è grande grande ma

Non ci viene mai nessuno

 

Ma non ti allontanare

Che ce ne dobbiamo andare

E non ti preoccupare

Faccio strada io

E non avere paura mai

Serpenti non ce ne sono

E non ti sistemare

Sei bella come sei

Così non ce ne andiamo più

 

La mia capanna è fatta con le mollette

è piena di denti di latte e di unghie rotte

Ci ho messo la mia prima bicicletta

è piena di segni di croce e di coriandoli

Cucchiai di legno, è piena di notte

Nella mia capanna ci sono altre capanne

È grande grande, è grande grande ma…

È piena di burroni!

 

Porta un paio di pietre

Per chi ci vuole male

Porta una cosa da bere

Non si può sapere mai

E ci stringiamo là

Dove giocavo sempre

Giocavo con mio fratello

E non c’è più tempo

Per domandare perché

Per domandare dove

Per domandare “ma com’è possibile?”

Tanto non l’ho saputo mai

 

Vedo tutto grande grande

[1] 1 In palermitano la parola Annigghiatu proviene da “Negghia” che originariamente, anche se in pochi oggi lo sanno,

significa “Nebbia” ma che correntemente viene utilizzata per descrivere il disordine di una stanza o persone di poca

importanza. “Si una negghia” significa “Sei una cosa inutile”, “Chi negghia chi c’è n’a ‘sta casa” significa “Che disordine

che c’è in questa casa”. Annigghiatu significa sia “annebbiato” che “ammucchiato senza criterio” e ho utilizzato questa

parola perché volevo che emergessero entrambi i significati.