Rimmillu ru’ voti Lyrics It

Rimmillu ru’ voti

 

Quannu c’è cavuru e sentu friddu

Tu cummogghiami cu tutti i to’ cuperti

Aiutami a circari ‘i mia ca ‘i mia ‘i persi

E dimmi ca ‘un successi nienti

Rimmillu ru’ voti (x2)

 

Quannu ju mi sfirniciu in capu a’ genti

Cantami una canzuna ca to’ vuci

E scappamo n’on paisi senza cruci

E dimmi ca un ni pò succediri nienti

Rimmillu ru’ voti (x2)

 

Quannu sugnu ‘u cchiù tinto m’ha’ a capiri

Picchì sugnu troppi cosi e fazzu ‘a bili

Ma tu capisci, forse puru troppu buonu

E dici ca ‘un successi nienti però

Rimmillu ru’ voti

E dici ca ‘un successi nienti, vabbè

Rimmillu ru’ voti

 

Quannu care ‘u cielu e tu ‘un t’a firi cchiù

Ca ‘u cielu care in tierra e tinci tutti cosi ‘i blu

M’affruntu anticchia ma veni dunni sai tu

Ca t’e diri una cosa urgenti

‘Un successi nienti

Vita mia, ‘un successi nienti

Rimmillu ru’ voti

 

Quando c’è caldo e io sento freddo

Tu avvolgimi con tutte le tue coperte

Aiutami a cercare le mie, ché le mie le ho perse

E dimmi che non è successo niente

Dimmelo due volte

 

Quando io mi intestardisco sulla gente

Cantami una canzone con la tua voce

E scappiamo in un paese senza croci

E dimmi che non ci può succedere niente

Dimmelo due volte

 

Quando sono il più cattivo mi devi capire

Perché sono troppe cose e faccio bile[1]

Ma tu capisci, forse pure troppo bene

E dici che non è successo niente però

Dimmelo due volte

E dici che non è successo niente, vabbè

Dimmelo due volte

 

Quando cade il cielo e tu non ce la fai più

Che il cielo cade a terra e tinge tutto di blu

Mi vergogno un pochino ma vieni dove sai tu

Che devo dirti una cosa urgente

Non è successo niente

Vita mia, non è successo niente

[1] La credenza popolare sostiene che in presenza di fattori negativi quali eccessi d’ira, d’invidia e simili, la bile possa accumularsi fino a fare esplodere il sacchetto della cistifellea, portando alla morte. Fari ‘a bili è un’espressione molto usata a Palermo. Si potrebbe tradurre con “prendersela a male” ma così facendo restituiremmo la valenza quotidiana della frase ma non quella poetica