Sfardo Lyrics It

Sfardo

 

Ju nun sacciu nienti

E ti taliu siempre

Jornu e notti, notti e ghiornu

Ti taliu

E ‘un sacciu nienti

 

Ju nun haju nienti

Però ti rugnu a manciare

‘U me’ cori, ‘u cori miu

T’arrialu

T’u po’ pistiare

 

Ma nun tinni iri, runni vai?

Nu sfardo nt’all’anima mi fai

Ma nun tinni iri, runni vai?

 

‘Un mi riri nienti

Talè, ‘un mi taliare

‘Ngusciu e mi piliu, sangu accussì

‘Un ni vogghiu iccare

 

E nun sentu nienti

Manciu grevio e vivu sale

E sentu un ciavuru ri cielu ca

Mi fa addannare

 

Ma nun tinni iri, runni vai?

Nu sfardo nt’all’anima mi fai

Chi fai, ‘u sai?

Ma nun tinni iri runni vai?

 

Nun hai a turnare cchiù

S’iddu tinni vai

Sfardo

 

Io non so niente

E ti guardo sempre

Notte e giorno, giorno e notte

Guardo te

E non so niente

 

Io non ho niente

Però ti do da mangiare

Il mio cuore, il cuore mio

Te lo regalo

Lo puoi masticare

 

Ma non te ne andare, dove vai?

Uno strappo nell’anima mi fai

Ma non te ne andare, dove vai?

 

Non mi dire niente

Guarda, non mi guardare

Mi angoscio[1] e mi strappo i capelli

Sangue così non ne voglio buttare

 

E non sento niente

Mangio sciapo e bevo sale

E sento un odore di cielo che

Mi fa dannare

 

Ma non te ne andare, dove vai?

Uno strappo nell’anima mi fai

Ma non te ne andare, dove vai?

 

Non devi tornare più

Se te ne vai

[1] Il termine ‘Ngusciari descrive quel momento in cui il neonato che ha tanto pianto riprende fiato rumorosamente. La traduzione in questo caso fa riferimento solo allo stato d’animo che genera questo fenomeno, il quale è manifesto nella radice della parola.