Vucciria Lyrics It

Vucciria

 

Scappavamu ri nichi e nichi

“Strata liscia, pista vascia!”

Iccati ddà nei viculicchi

A pieri in tierra, in tiesta ‘a guerra.

Me’ matri avieva ‘i sdillinchi, ch’i tiritanchi,

Mentri ju spicava ch’i manu nei cianchi

Assicutatu ‘i tutti comu ‘u carru r’i santi.

“Sangu ru sagnu r’i me’ vini

si t’annagghiu t’i rugnu ne’i rini!”

Me’ matri nun lu sapi ca mi scassu ri forst

E poi satariu attipu grillu

Una sardella

In capu a’ sella

In capu ‘nu quintale ‘i gel

Arrivu isannu in mienzu o’ burdiellu

Ma me’ matri chi voli capiri, si nun mi viri,

Ju cercu l’amuri in mienzu ‘o Garraffaello.

Ciesca ciesca, ‘a chiazza

è un armalu chinu chinu ri tieste,

Chinu ri vrazza

A’ punt’a cantuniera incocciu quattru amici mia

Mi finisci ‘a cunfusioni er accumincia ‘a Vuccirìa

 

Ccà nun c’è nuddu ca nni rici niente

Nun c’è nuddu ca nni cunta favole

‘A matina abbannìu

‘A menz’jornu abbannìu

Tutta ‘a sira abbannìu

Arriva ‘a notti e fazzu vuccirìa

 

‘Atti mmriachi runn’egghiè

A unu a unu càrinu attipu niespuli

Unu lientu lientu pi lanzari s’arrassa

E viu ‘stu ciuri biancu, una cavadda ri razza,

Troppu delicata, troppu assistimata

Sulu sulu ca mi rici “cionnami” c’una taliata

Smuntu r’u muturi

N’a me’ tiesta attacca ‘u film e ju sugnu l’atturi

Anzi ju e idda nuri

Chini ri sururi

Nni schiacciamu i punti nivuri doppu l’amuri

Mi pigghiu ri curaggiu e ci ricu: “chi fa,

N’ammuttunamu i birra fino a doppuruma’?”

 

Nun mi nni avieva addunato

A lato ‘i l’amuri miu

C’è ‘u so’ zito, acciuratu,

Cu’ un pezzu ri cutieddu ca parinu dui,

Unu in capu all’avutru, simpatico,

Mi quartìu e ni viru n’avutru, poi n’avutru, poi n’avutru…

 

Si mi scusassi e m’a svignassi,

Ma chi pienzi ca ‘un m’a scapuliassi?

Ma ormai addivintavu n’armale

E l’antitetanica m’a fici a natale

P’un muzzicuni ri cane,

E ‘u culu ormai ‘un mi fa cchiù male

Trovu una vuci e ‘a jeccu supr’a Vuccirìa

“Ora viriemu cu è ca s’arrifardia!”

 

Ccà nun c’è nuddu ca nni rici niente

Nun c’è nuddu ca nni cunta favole

‘A matina ju abbannìu

‘A menz’jornu abbannìu

Tutta ‘a vita abbannìu

Arriva ‘a notti e fazzu vuccirìa

 

“Cu ‘i vagnò ‘i balati r’a vuccirìa?”

Sunnu quattru contr’a unu

Iccati all’anciluni versu ‘i mia

‘A genti s’allasca a taliare,

‘A chiazza è un giru ri nasca, è ‘n altare

E nui cinqu’ ddà nmienzu ‘o tagghiere

Haju un aumientu di freve

Ogni vota ca unu avanza un piere

S’avvicinanu ma nun mi spostu n’arriere

Mi pari tutta una manu ca strinci supra ‘u pusiere

 

Cu fu ca vagnò ‘i balati r’a vuccirìa?

S’u vegnu a sapisciu m’allisciu e poi m’u vasu tuttu

Ju a vu’ avutri vi futtu

Cu ‘sti balate lippuse

Vi fazzu cariri senza bisognu ca v’ammuttu

Infatti (sentiti chista, eranu quattru no?):

‘U primo sciddicò e ‘u sicunnu ci cariu in capu

‘U terzu li azziccò e sbattìu ‘a tiesta supra ‘na balata

‘U quartu si vutò e si firriò

Si intisi minacciato e s’a scapputtò

 

Comu fu, comu non fu

In menzu a tutt’a genti arristamu sulu

Ju e l’amuri miu, mischina, traumatizzata p’u riestu r’a vita

Si idd’a sienti parrari, nun havi cchiù parole

Ci prova siempre ma ormai s’a fira sulu a diri:

“Stump staz stupurutanz!”

Vuccirìa [1]

 

Scappavamo già da piccolini

“strada liscia, via libera!”

Buttati là, nei vicoletti

Piedi a terra; in testa, la guerra.

Mia madre aveva gli svenimenti, con le convulsioni,

Mentre io crescevo con le mani sui fianchi

Inseguito da tutti come il carro dei santi.

“Sangue del sangue delle mie vene,

Se ti prendo te le do nel sedere!”

Mia madre non lo sa che mi scasso di Forst [2]

E poi vado saltando come un grillo

Una sardella

Sopra la sella

In testa un quintale di gel

Arrivo impennando in mezzo al bordello

Ma mia madre che vuole capire se non mi vede?

Io cerco l’amore in mezzo al Garraffaello [3].

Cerca cerca, la piazza

è un animale pieno di teste,

pieno di braccia

Al crocevia incontro quattro amici miei

Mi finisce la confusione ed inizia la Vuccirìa [4].

 

Qua nessuno ci dice niente

Non c’è nessuno che ci racconta favole

La mattina grido

A mezzogiorno grido

Tutta la sera grido

Arriva la notte e faccio Vuccirìa [5]

 

Gatti ubriachi dappertutto

A uno a uno cadono come nespole

Uno lentamente per vomitare si sposta

E vedo un fiore bianco, una cavalla di razza:

è troppo delicata, troppo sistemata

Pensa soltanto che mi dice “Cionnami” [6] con uno sguardo

Scendo dalla moto

Nella mia testa attacca il film e io sono l’attore

Anzi io e lei nudi

Pieni di sudore

Ci schiacciamo i punti neri dopo l’amore

Mi prendo di coraggio e le dico: “che facciamo,

Ci gonfiamo di birra fino a dopodomani?

 

Non me ne ero accorto

Ma accanto all’amore mio

C’è il suo ragazzo, fiorito [7],

Con un coltello talmente grande che sembrano due,

uno sull’altro, simpatico!,

Mi guardo intorno e ne vedo un altro, poi un altro, poi un altro

 

Se mi scusassi e me la svignassi

Ma che pensi che non me la scamperei?

Ma ormai sono diventato un animale

E poi l’antitetanica l’ho già fatta a Natale

Per il morso di un cane

E il culo ormai non mi fa più male.

Trovo una voce e la lancio sopra la Vuccirìa:

“Ora vediamo chi si tira indietro!”

 

Qua nessuno ci dice niente

Non c’è nessuno che ci racconta favole

La mattina grido

A mezzogiorno grido

Tutta la vita grido

Arriva la notte e faccio Vuccirìa

 

“Chi ha bagnato le balate della Vuccirìa?[8]

Sono quattro contro uno,

lanciati minacciosi verso di me

La gente si fa da parte per guardare

La piazza è un cerchio di nasca, un altare,

E noi cinque là, in mezzo al tagliere,

Ho un aumento di febbre

ogni volta che uno di quelli avanza un piede

Si avvicinano ma non indietreggio io

Mi sembra tutta una mano che stringe sopra il pollice.

 

“Chi è stato a bagnare le balate della Vuccirìa?”

Se lo vengo a sapere vado ad accarezzarlo e baciarlo dappertutto

Io, a voi, vi fotto!

Con queste pietre scivolose

vi faccio cadere, senza bisogno di spingervi

Infatti (senti questa, erano quattro no?):

Il primo scivola e il secondo gli cade addosso,

Il terso li accoltella per sbaglio e sbatte la testa su una balata

Il quarto si gira, si rigira,

si sente minacciato e se la svigna…

 

Come è, come non è,

In mezzo a tutta quella gente rimaniamo soltanto

Io e l’amore mio, poverina, traumatizzata per il resto della vita.

Se la sentissi parlare… non ha più parole,

Ci prova sempre ma ormai riesce solo a dire:

“Stump staz stupurutanz, stump staz stupuru stupurutanz…”

[1]  Vuccirìa è uno dei mercati a cielo aperto installati dagli arabi durante la loro permanenza a Palermo (831-1072 d.C.). Il nome in siciliano significa “grande confusione” anche se deriva dallo stesso etimo che fa dà vita ai cugini “boucherie” in francese, “butchery” in inglese e “boqueria” in spagnolo i quali designano luoghi di vendita di carne e pesce. Se per secoli il mercato si è sostentato sui beni alimentari, nell’ultimo decennio ha cambiato look. A causa della concorrenza di centri commerciali che fioriscono ad ogni angolo l’attività dei mercati a cielo aperto inizia a sgonfiarsi e per sopravvivere si vedono costretti ad aprire di notte: in breve Vuccirìa diventa sinonimo di alcol a prezzi stracciati, musica in strada a tutto volume per tutta la notte, nessuno che faccia uno scontrino. Ad oggi è il luogo della movida palermitana più sregolata in cui tutti i palermitani straordinariamente si ritrovano: che siano studenti di ingegneria, barboni di 60 anni, ragazzini di 13 anni del quartiere più popolare, artisti veri o finti o “tasci” (dall’inglese trash, trattasi del tamarro palermitano, parassita umanoide, socialmente negletto e incivile). La canzone Vuccirìa parla della storia di un Tascio raccontata in prima persona.

[2] A Palermo è presente uno stabilimento Forst. Non subendo costi di trasporto è una delle bevande alcoliche che costa meno ed è quindi la birra dei muratori e dei lavoratori più umili, degli Ultras del Palermo Calcio che ne hanno fatto una vera e propria religione. E naturalmente è la birra ufficiale della Vuccirìa.

[3] Piazza Garraffello, una delle piazze principali della Vuccirìa.

[4] Come dicevamo sopra, Vuccirìa è il nome del mercato ma anche sinonimo di “grande confusione”. Da qui il gioco di parole in siciliano.

[5] Vedi nota 1.

[6] Il termine corretto sarebbe Ciunnami che significa “graffiami”. Il palermitano però storpia questo termine sostituendo la u con la o quando vuole prendere in giro quell’atteggiamento provocatorio che assumono le cosiddette tasce durante il corteggiamento.

[7] Nel linguaggio figurato della malavita Acciurato è chi ha un coltello in mano.

[8] Dall’arabo Balat: Pietra, preferiamo non tradurre questo termine con cui si identifica il pavimento tipico di buona parte del centro storico palermitano, composto da “sanpietrini” rudimentali e di grandi dimensioni. Il detto “le balate della Vuccirìa non si asciugano mai” deriva da un’antica leggenda e designa un fatto che non avverrà mai.