Cuori cruru-it

Cuori cruru

 

Assammaratu e siccu nt’on agnuni

Cuntu e ricuntu tutti i carti mia

Mi sientu fiermu in facciu a stu scaluni

Iu nun mi sacciu muoviri ri mia

 

Mi manca l’aria e mi manca u pitittu

Rintra m’abbampa a siti r’u cchiù siccu

E vitti u munnu pi chiddu ca iera

E vuosi iri n’on’atra galiera

 

Ora ca cancia tuttu troppu siempre

Iu comu figghiu ‘un m’assumigghiu cchiù

E mentri all’alba tutti dorminu

Ricogghiu zoccu ‘un haiu e minni vaiu

 

Minni vaiu

 

Cu cuori cruru e i manu ri me patri

Grapu e richiuiu sta bilici china

Haiu un cutieddu misu sutta u liettu

M’u va cuntruollu ogni siritina

 

Ora ca chianci tuttu troppu siempre

Iu comu figghiu ‘un m’arripigghiu cchiù

E mentri all’alba tutti dorminu

Ricogghiu ‘sti quattru ossa e minni vaiu

 

Minni vaiu

Senza taliari a nuddu rintr’all’occhi 

Pigghia e minni vaiu

Minni vaiu, minni vaiu

 

Iu minni vaiu c’u me cuori cruru

Cuori cruru

 

Inzuppato e secco in un angolo

Conto e riconto tutte le mie carte

Mi sento fermo davanti a questa soglia

io non mi so muovere da me

 

Mi manca l’aria e mi manca l’appetito

Dentro mi brucia la sete del più secco

E ho visto il mondo per quello che era

E sono voluto andare in un’altra galera

 

Ora che cambia tutto troppo sempre

Io come figlio non mi somiglio più

E mentre all’alba tutti dormono

Raccolgo quello che non ho e me ne vado

 

Me ne vado

 

Col cuore crudo e le mani di mio padre

Apro e richiudo questa valigia piena

Ho un coltello messo sotto al letto

Lo vado a controllare ogni santa sera

 

Ora che piange tutto troppo sempre

Io come figlio non mi riprendo più

E mentre all’alba tutti dormono

Raccolgo queste quattro ossa e me ne vado

 

Me ne vado

Senza guardare nessuno dentro agli occhi

Me ne vado e basta

Me ne vado, me ne vado