In funn’o mare Lyrics It

In funn’o mare

 

M’assicuti e ‘un m’assicuti cchiù

Stai facennu tutti cosi tu

In menz’a via mi fermu un attimu

E chianciu ‘u mare ma ‘sti lacrimi ‘i cu su’?

 

M’assicuti, m’assicutate in due

A tia ti viu; l’avutru, chi sugnu ju?

In menz’a via m’ammucciu un attimu

E chianciu ‘u mare

Ma ‘sti lacrimi ‘un s’asciucanu mai

 

E m’insonnu di vulari

In menzu ai stiddi

I stiddi russi in funn’o mare

E m’insonnu di natari

‘Un fussi bellu

Rispirari in funn’o mare?

 

M’assicuti e ju assicutu a tia

N’o disertu r’a me’ lagnusìa

S’allaga ‘a via e t’allaghi puru tu

Ma ‘u chianciu ju ‘stu mare

‘Sti lacrimi su’ i mia

E chianciu p’anniari

Ca ‘sti lacrimi ‘un asciucanu mai

Annìu e m’addurmisciu ju

Scinnu a funnu

Scinnu a chiummu in funn’o mare

E cu’ l’occhi vuoti, chini ‘i sale

Viu ‘u cielu

Mi pare un mare in cap’o mare

 

Annìu e ‘un mi svegliare mai

Si mi curcu

A panz’all’aria in funn’o mare

E tutti l’armi fannu un carnevale

E mi invitanu a cantare

 

Vogghiu mo riri accussì…

In funn’o mare

 

Mi insegui e non mi insegui più

Stai facendo tutto tu

In mezzo alla via mi fermo un attimo

E piango il mare ma queste lacrime di chi sono?

 

Mi insegui, mi inseguite in due

Te, ti vedo; l’altro, ma sono io?

In mezzo alla via mi nascondo un attimo

E piango il mare

Ma queste lacrime non si asciugano mai

 

E sogno di volare

In mezzo alle stelle

Le stelle rosse in fondo al mare

E sogno di nuotare

Non sarebbe bello

Respirare in fondo al mare?

 

Mi insegui ed io inseguo te

Nel deserto della mia pigrizia

S’allaga la via e ti allaghi pure tu

Ma lo piango io questo mare

Queste lacrime sono mie

E piango per annegare

Che queste lacrime non asciugano mai

 

Annego e mi addormento io

Scendo a fondo

Scendo a piombo in fondo al mare

E con gli occhi vuoti, pieni di sale

Vedo il cielo

Mi pare un mare sopra il mare

 

Annego e non mi svegliare mai

Se mi corico

A pancia all’aria in fondo al mare

E tutte le anime fanno un carnevale

E mi invitano a cantare

 

Voglio morire così…[1]

[1]   La lingua siciliana contiene riferimenti costanti alla morte. Modi di dire come “C’è di moriri”, “Morti ca m’ha dari prestu sia” o “vogghiu moriri accussì” risultano molto più leggeri di come possano apparire in una traduzione in un’altra lingua proprio per la frequenza con cui vengono incluse in ogni tipo di discorso.